Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • Il Cristianesimo è la religione dei nomi propri, non delle essenze. Dei volti concreti, non degli ectoplasmi. Del prossimo in carne ed ossa con cui confrontarsi, e non delle astrazioni volontaristiche con cui crogiolarsi."
    (Don Tonino Bello)
  • "Il tempo è superiore allo spazio. Dare priorità al tempo significa occuparsi di iniziare processi, più che di possedere spazi"
    (Evangelii Gaudium)
  • "E' il filo di un aquilone, un equilibrio sottile, non è cosa ma è come , E' una questione di stile"
    (Nicolò Fabi “è non è”)
  • Il Cristianesimo è la religione dei nomi propri, non delle essenze. Dei volti concreti, non degli ectoplasmi. Del prossimo in carne ed ossa con cui confrontarsi, e non delle astrazioni volontaristiche con cui crogiolarsi." (Don Tonino Bello)
  • Promuovere la testimonianza della carità, lo sviluppo integrale dell'uomo, della giustizia sociale e della pace, con particolare attenzione agli ultimi e con prevalente funzione pedagogica. "
    (Statuto Caritas Italiana)

Lo Stile Caritas

LO STILE CARITAS

I percorsi di Caritas non devono essere identificati o scambiati con qualsiasi attività di erogazione di oggetti o di servizi: alla base c’è una comunità (nazionale, diocesana, parrocchiale) che si fa carico dei suoi fratelli in difficoltà sottoforma di relazione. La principale missione di ogni Caritas, ad ogni livello, è l’animazione della chiesa locale alla carità, non intesa come elemosina, ma come accompagnamento del fratello più fragile nel percorso della vita.

Animare al senso ed alla pratica della carità attraverso uno stile di ascolto, attenzione, relazione e presa in carico: in questo quadrilatero, l’erogazione di beni e servizi è solo uno strumento per facilitare il beneficiario nel suo percorso verso l’indipendenza. 

L’animazione, come da statuto, è la funzione pedagogica che la Conferenza Episcopale ci chiede: ricordare alle persone che “fare la carità” è differente da “vivere uno stile di carità” basato sulla relazione e sull’inclusione delle persone nelle comunità.

Tutto ciò si può raggiungere solo attraverso un lavoro continuativo con le parrocchie e, parallelamente con le comunità di cittadini, con i giovani e gli studenti e con tutte le persone che possono raccogliere i nostri messaggi. 

In questo momento storico, riteniamo fondamentale una presenza costante nelle scuole per svolgere il nostro ruolo di animazione: l’obiettivo fondamentale è stimolare la riflessione individuale e di gruppo, affinché maturi nei nostri giovani una mentalità corretta ed attenta alla realtà circostante, sia essa quella dell’attenzione verso il vicino di casa, o  l’emergenza umanitaria intercontinentale. 

Tags: caritas, stile, italia

NEWS dalla Caritas

Incontro con Mons. Bizzeti, vescovo di Anatolia

Doposcuola estivo Pesciamica

Il cordoglio per la scomparsa del dott. Bartolini

Il cordoglio per la scomparsa del dott. Bartolini

Scuola per genitori ed educatori

NEWS mondo giovani

Esperienze estive per ragazzi

Aperto il bando di servizio civile regionale

"...Vengo anch'io! no, tu no!"

Servizio Civile Regionale: le graduatorie

Servizio Civile Regionale: 5 posti in Caritas diocesana

NEWS dal mondo

Il Santo Padre per la Giornata Mondiale del Rifugiato

Alluvioni in Sri Lanka

Barbarie, ma chiediamo un cuore senza odio

Terremoto in Asia: primi interventi Caritas

Al via Novo Modo: a Firenze si parla di sviluppo sostenibile